Santa Teresa Gallura e Bonifacio

Le spiagge da non perdere tra Santa Teresa Gallura e Bonifacio

La Sardegna e la Corsica sono tra le isole più grandi del Mediterraneo, due e vere e proprie perle e mete ambite da migliaia di turisti ogni anno, per le loro rinomate acque cristalline, le spiagge selvagge e per tutte le indimenticabili esperienze che offrono, dalla canoa al trekking, dall’enogastronomia alle immersioni. Che tu sia un motociclista, un camperista, in famiglia o con gli amici, se stai programmando il tuo prossimo viaggio tra Santa Teresa Gallura e Bonifacio e non vuoi perderti le spiagge più belle, qui c’è una soluzione per te. Mettiti comodo sulla tua sedia, goditi il racconto di tutte le calette da visitare e prepararti per il tuo soggiorno.

Rena Bianca

Se siete amanti del must-see, il vostro soggiorno a Santa Teresa Gallura non può non comprendere una giornata a Rena Bianca, una delle spiagge più famose e instagrammate non solo dell’isola ma di Italia. Come ogni luogo famoso, è difficile che possiate godere di questa spiaggia in esclusiva: nel periodo estivo i turisti sono molti e per chi al mattino ha voglia di dormire fino a tardi potrebbe essere un problema trovare posto per stendere l’asciugamano.

Sabbia bianca e fine, acqua turchese ne disegnano un dipinto degno di ogni sogno a occhi aperti. I più attenti qui vi noteranno anche qualche riflesso rosa, che ricorda la spiaggia di Budelli nel vicino arcipelago della Maddalena – inaccessibile ai turisti per preservala nel suo stato di paradiso incontaminato. Il segreto è da ricercare nei granelli di corallo che si mischiano alla sua sabbia e la tingono di un rosa tenue.

Protetta dal vento da un promontorio sul quale si staglia la Torre di Longosardo, che fu costruita per volere di Filippo II di Spagna, da qui c’è una vista privilegiata sulle Bocche di Bonifacio e sulla Corsica. Il periodo più bello per godere appieno del suo splendore è sicuramente quello primaverile, quando i cespugli di macchia alle sue spalle vibrano di un verde intenso e i fiori viola la confezionano in maniera perfetta.

Questa baia gode di ogni tipo di servizio: punti ristoro, noleggio attrezzature come canoe, tavole da sup, pedalò, maschere e boccagli per fare snorkeling e diving. Per i più comodi, non mancano ombrelloni e lettini e – cosa più importante – un ampio parcheggio di circa 200 posti con una tariffa di 2 euro l’ora o 7 euro al giorno sia per moto sia per macchine.

La Valle della Luna

Nella parte occidentale del promontorio di Capo Testa si estende, tranquilla e pittoresca, una valle che di giorno è dorata e di notte bianca come il manto lunare: il nome esatto è Cala Grande ma tutti la conoscono come la Valle della Luna.

Accarezzato da un mare cristallino, avvolto nella rigogliosa macchia mediterranea, questo luogo alterna rocce calcaree a piccole cale. La zona è abitata da una piccola comunità hippy ed è piuttosto usuale sentire musiche e canti provenienti dalla baia.

Al tramonto, da maggio a settembre sulla spiaggia viene celebrata la Luna, con grandi feste fatte di falò e musica in pieno rispetto dell’ambiente circostante. Un luogo per sentirsi un po’ fuori dal mondo e dal tempo, senza rumori e affollamento.

Le calette di questo luogo sono molteplici, le più suggestive sono senza dubbio Cala dell’Indiano e Cala Grande, ma ce ne sono anche altre, meno conosciute come Cala l’Ea​ e Cala di Mezzu. Poco lontano dal promontorio anche le calette della Reparata meritano una visita, così come Cala Sambuco, le piscine granitiche della Valle dell’Erica e la spiaggia della Conca Verde.

Un luogo incantato come questo non conosce rumore ed è anche difficile da scovare. Arrivarci costerà un po’ di fatica, ma è una conquista che premia ogni sforzo. Il sentiero che conduce alla Valle è tortuoso e lungo quasi un chilometro, da percorrere rigorosamente a piedi imboccando il sentiero che dall’uscita del paese di Santa Teresa Gallura indica Capo Testa.

La Valle della Luna

Nella parte occidentale del promontorio di Capo Testa si estende, tranquilla e pittoresca, una valle che di giorno è dorata e di notte bianca come il manto lunare: il nome esatto è Cala Grande ma tutti la conoscono come la Valle della Luna.

Accarezzato da un mare cristallino, avvolto nella rigogliosa macchia mediterranea, questo luogo alterna rocce calcaree a piccole cale. La zona è abitata da una piccola comunità hippy ed è piuttosto usuale sentire musiche e canti provenienti dalla baia.

Al tramonto, da maggio a settembre sulla spiaggia viene celebrata la Luna, con grandi feste fatte di falò e musica in pieno rispetto dell’ambiente circostante. Un luogo per sentirsi un po’ fuori dal mondo e dal tempo, senza rumori e affollamento.

Le calette di questo luogo sono molteplici, le più suggestive sono senza dubbio Cala dell’Indiano e Cala Grande, ma ce ne sono anche altre, meno conosciute come Cala l’Ea​ e Cala di Mezzu. Poco lontano dal promontorio anche le calette della Reparata meritano una visita, così come Cala Sambuco, le piscine granitiche della Valle dell’Erica e la spiaggia della Conca Verde.

Un luogo incantato come questo non conosce rumore ed è anche difficile da scovare. Arrivarci costerà un po’ di fatica, ma è una conquista che premia ogni sforzo. Il sentiero che conduce alla Valle è tortuoso e lungo quasi un chilometro, da percorrere rigorosamente a piedi imboccando il sentiero che dall’uscita del paese di Santa Teresa Gallura indica Capo Testa.

Rena Majore

Situata nel territorio di Aglientu, parte del sito naturalistico di Monti Russu nell’estrema punta settentrionale della Sardegna, Rena Majore è una striscia di piccoli sassolini bianchi immersa nella macchia mediterranea e in un mare di colori che variano dal turchese al blu inteso, circondato da scogli scuri e da rocce granitiche chiare.

Famosa per le piscine incastonate tra i suoi scogli, dove i bambini giocano a tuffarsi e per il suo fondale dolcemente degradante e abitato da numerosissimi pesci, meta di appassionati di diving e snorkeling che qui arrivano da ogni parte del mondo per una breve escursione.

La linea di costa è rotta dalle foci di r​io Cantaru e r​io Ciuchesa, che tagliano la lingua di sabbia, dividendola in tre parti e rendendo ancor più suggestivo il litorale, raramente molto affollato e scelto per vari spot pubblicitari, tra cui uno con l’attrice-modella australiana Megan Gale.

Alle spalle, sorge una vasta pineta ripara dal vento, rifugio rilassante nelle giornate afose. Per i più romantici, le lunghe passeggiate sul bagnasciuga durante spettacolari tramonti saranno un piacevole leit motiv.

Alla spiaggia si può arrivare a piedi con un percorso di trekking poco impegnativo oppure in auto percorrendo una strada sterrata di circa 700 metri, che termina con un ampio parcheggio (si può scegliere tra un parcheggio gratuito e uno a pagamento che costa un euro all’ora), da cui si prosegue a piedi per poche centinaia di metri dove troverete anche un chiosco bar e un noleggio per le attrezzature.

Porto Pollo

Se sei un appassionato del windsurf questo è proprio il luogo che fa per te!

Porto Pollo (in gallurese Portu Puddu) si trova a metà strada tra Santa Teresa Gallura e Palau, di fronte all’arcipelago della Maddalena, proprio alla foce del torrente Liscia. È un’insenatura di acqua turchese che unisce con una sottile lingua di sabbia la terraferma all’isola dei Gabbiani (o Isuledda).

Alle sue spalle, dall’altra parte dell’istmo, si trova la spiaggia dell’Arenaria, divisa da Porto Pollo da coperte di lavanda, ​lentisco e ginepro. Entrambe sono una palestra naturale per gli sport acquatici perché costantemente battute dal vento, a tratti forte: condizione ambita da velisti e appassionati di windsurf e kitesurf. Da una parte o dall’altra della baia, ci saranno, alternativamente, condizioni ideali per surfare oppure di mare piatto.

Il suo fondale basso non lo rende solo un paradiso per i surfisti e tra le sue onde sono tantissimi i bambini che qui amano giocare rassicurati dai pochi pericoli; questo lo rende meta anche di famiglie e meno sportivi che possono godere di tramonti poetici anche in luoghi riparati dal vento.

Ovviamente non mancano strutture che noleggiano attrezzatura e una scuola di windsurf e vela, oltre a bar, ristoranti e camping. Il parcheggio è comodo e a pagamento (un euro per le prime tre ore e 0,50 euro per le successive; 0,50 euro per le moto).

Una volta arrivati fino a Porto Pollo non perdete l’occasione per perlustrare tutti i 18 ettari del paradiso naturalistico dell’isola dei Gabbiani, altrimenti non ve lo perdonerete facilmente!

Spiaggia della Rondinara

Vi è mai capitato di imbattervi in fotografie di spiagge dove pascolano mucche in libertà? Ecco, una di queste è proprio la spiaggia della Rondinara. Un’ansa quasi perfetta racchiusa tra due promontori coperti di maquis che si protendono l’uno verso l’altro; una striscia sottile di sabbia bianca e acque cristalline, turchesi e poco profonde: lo scenario è così idilliaco che questa baia è una delle più fotografate della Corsica.

In piena estate, la fotografia è completata da numerosissimi yacht che gettano l’ancora al largo e da una distesa di ombrelloni colorati.

Le mucche? Beh, quelle si possono incontrare, è vero, ma lontano dai mesi più affollati. Rondinara è bellissima e tutti lo sanno ed è situata proprio a metà strada tra le cittadine più turistiche dell’isola, Bonifacio e Porto Vecchio, perciò l’affluenza è alta, specie in alta stagione e conviene non arrivare mai troppo tardi se si vuole trovare un posto per stendere l’asciugamano.

Qui troverete numerosi servizi, da bar a ristoranti a chioschi per l’affitto di canoe, attrezzature da snorkeling e tavole da sup. All’altezza della spiaggia è stato realizzato un ampio parcheggio, a pagamento durante la stagione turistica (circa 10 euro al giorno).

Spiaggia della Rondinara

Vi è mai capitato di imbattervi in fotografie di spiagge dove pascolano mucche in libertà? Ecco, una di queste è proprio la spiaggia della Rondinara. Un’ansa quasi perfetta racchiusa tra due promontori coperti di maquis che si protendono l’uno verso l’altro; una striscia sottile di sabbia bianca e acque cristalline, turchesi e poco profonde: lo scenario è così idilliaco che questa baia è una delle più fotografate della Corsica.

In piena estate, la fotografia è completata da numerosissimi yacht che gettano l’ancora al largo e da una distesa di ombrelloni colorati.

Le mucche? Beh, quelle si possono incontrare, è vero, ma lontano dai mesi più affollati. Rondinara è bellissima e tutti lo sanno ed è situata proprio a metà strada tra le cittadine più turistiche dell’isola, Bonifacio e Porto Vecchio, perciò l’affluenza è alta, specie in alta stagione e conviene non arrivare mai troppo tardi se si vuole trovare un posto per stendere l’asciugamano.

Qui troverete numerosi servizi, da bar a ristoranti a chioschi per l’affitto di canoe, attrezzature da snorkeling e tavole da sup. All’altezza della spiaggia è stato realizzato un ampio parcheggio, a pagamento durante la stagione turistica (circa 10 euro al giorno).

Spiaggia di Balistra

Se siete a Bonifacio e avete voglia di un tuffo in mare, senza andar troppo lontano la spiaggia di Balistra, la più lunga dei dintorni, è quello che fa al caso vostro.

Sabbia chiara e mare turchese, qui il parcheggio è libero e si arriva direttamente attraverso una lunga strada sterrata un po’ accidentata lunga 2,5 chilometri. Il consiglio è quello di percorrerla con prudenza!

Proprio perché meno conosciuta delle gettonatissime Rondinara e Santa Giulia e un po’ difficile da raggiungere, Balistra è una delle sorprese più incantevoli dell’isola: poco affollata, incontaminata e selvaggia al punto giusto.

La spiaggia non è attrezzata e non ci sono strutture per il noleggio delle attrezzature, ma durante i mesi estivi (giugno, luglio e agosto) apre un piccolo chiosco bar che offre snack e bibite.

Anche qui i venti soffiano con frequenza e la rendono un luogo apprezzato da appassionati di kitesurf e windsurf, ma frequentato anche da famiglie e amanti del relax, lontano dai luoghi più affollati. Insomma, Balistra è un po’ la spiaggia per tutti e per tutti i gusti!

Spiaggia della Tonnara

A soli 10 chilometri a Ovest di Bonifacio, questa incantevole spiaggia di sabbia in alta stagione è molto frequentata sia da famiglie sia dagli amanti degli sport d’acqua: ben esposta ai venti è infatti una delle mete più ambite del Sud dell’isola per praticare windsurf e kitesurf. Dati gli ampi spazi, l’affollamento è del tutto sopportabile, a differenza delle tante calette intorno alle scogliere di Bonifacio.

Per chi ama il naturismo, una piccola sorpresa: camminando circa 15 minuti, seguendo la costa verso Sud, arriverete alla spiaggia di Stagnolu, dove gli indumenti non sono necessari per un bagno tra le acque cristalline.

Poco prima di arrivare alla spiaggia, per chi vuole prendere qualche lezione di kitesurf, vi aspetta una piccola scuola. Il parcheggio qui è ampio e libero.

Spiaggia della Tonnara

A soli 10 chilometri a Ovest di Bonifacio, questa incantevole spiaggia di sabbia in alta stagione è molto frequentata sia da famiglie sia dagli amanti degli sport d’acqua: ben esposta ai venti è infatti una delle mete più ambite del Sud dell’isola per praticare windsurf e kitesurf. Dati gli ampi spazi, l’affollamento è del tutto sopportabile, a differenza delle tante calette intorno alle scogliere di Bonifacio.

Per chi ama il naturismo, una piccola sorpresa: camminando circa 15 minuti, seguendo la costa verso Sud, arriverete alla spiaggia di Stagnolu, dove gli indumenti non sono necessari per un bagno tra le acque cristalline.

Poco prima di arrivare alla spiaggia, per chi vuole prendere qualche lezione di kitesurf, vi aspetta una piccola scuola. Il parcheggio qui è ampio e libero.

Spiaggia del Grande Sperone

All’altezza della punta di Sperone, proprio sotto i campi da golf, si trova una fra le più belle spiagge della Corsica del Sud, la spiaggia di Grand Sperone. Affaccia sul mare aperto, spesso agitato a causa dei venti che soffiano forti nel contesto delle Bocche di Bonifacio.

La sua sabbia è finissima e di un bianco che si trova di solito solo nelle isole caraibiche. Da qui si gode si una vista mozzafiato sulle isole di Lavezzi e perfino sulle coste della Sardegna, quando il cielo è molto limpido.

Il fondale marino degrada dolcemente e rende l’accesso in mare facile e piacevole.

L’affollamento è ragionevole anche in piena estate perché per raggiungere questo piccolo angolo da sogno, la strada si percorre solo a piedi dalla spiaggia di Piantarella, dove si trova un parcheggio in cui si può lasciare la propria auto. Il percorso è molto facile e dura circa venti minuti, un piccolo sforzo che chi vuole allontanarsi dal caos estivo deve assolutamente fare!

Bene, con questo prezioso elenco di luoghi più o meno nascosti e di suggestioni naturali da scoprire, potete pianificare un giorno o anche più giorni, durante la vacanza, girovagando alla scoperta di spiagge e scenografie da instagrammare tra Corsica e Sardegna.

Il traghetto Ichnusa lines vi permette, con una traversata di una sola ora nelle Bocche di Bonifacio, altro spettacolo naturale da mettere nella to do list, di raggiungere la Sardegna se vi trovate in Corsica o viceversa. Programmare una gita in Corsica per vedere la cittadella di Bonifacio (vi suggeriamo di leggere l’altro articolo del Blog Ichnusa dedicato a Bonifacio e dintorni), e le spiagge migliori se siete in Sardegna è un’altra opzione che vi suggeriamo, non andate a casa senza vedere queste meravigliose spiagge, e se non tutte almeno alcune!

Lasciati ispirare

Bonifacio

Bonifacio

Molti la definiscono la Gibilterra corsa e qualsiasi descrizione si possa fare di questa famosa cittadina arroccata su bianche falesie di calcare, non potrà mai restituire il fascino che trasmette quando ti ritrovi immerso nelle sue viuzze. Difficile coglierla nella...

Selvaggio Blu

Selvaggio Blu

L' Ogliastra, lungo il versante orientale della Sardegna, è sinonimo di paradiso. Un mare di scenari unici tra acque turchesi e falesie imponenti, un luogo da sogno per hikers e climbers di tutto il mondo. La natura varia, e ci porta dal mare alle colline fino ad...

Curiosità su Sardegna e Corsica

Curiosità su Sardegna e Corsica

La Sardegna e la Corsica sono tra le isole più grandi del Mediterraneo, due e vere e proprie perle e mete ambite da migliaia di turisti ogni anno, per le loro rinomate acque cristalline, le spiagge selvagge e per tutte le indimenticabili esperienze che offrono, dalla...

A Ferry Tale – La storia della nave Ichnusa

A Ferry Tale – La storia della nave Ichnusa

Chi di noi, pensando al mare, alla Sardegna, alle vacanze e ai delfini non pensa subito a Tirrenia, la cara vecchia compagnia statale che per gran parte della nostra vita è stata quasi l’unica a portaci verso spiagge paradisiache? Tirrenia per molto tempo ha...

Tre giorni in Corsica? Ecco il nostro itinerario.

Tre giorni in Corsica? Ecco il nostro itinerario.

Chi lo ha detto che le vacanze al mare devono essere per forza caratterizzate da una movida sfrenata, da spiagge affollate e code in strada? In Corsica gli angoli isolati, i tempi lenti e le strade sterrate e selvagge sono molti, anche fuori dai circuiti turistici più...